Giovani under 35HomeIn EvidenzaNewsPrimo Piano

EYTC: aggiornamenti da Wroclaw

Sono Partiti ieri a Wroclaw i 21esimi Campionati Europei Giovanili a Squadre, per rappresentative nazionali. Come da qualche anno, sono divisi in tre categorie: Juniors (Under 26), Youngsters (Under 21) e Girls.
Ci troviamo nel cuore della Slesia, della quale la bella città polacca è la capitale, ma se le attrattive turistiche non mancano – il centro città, per esempio, è davvero delizioso – il clima è davvero inclemente; pioggia continua, ed una temperatura quasi invernale ci hanno riportato indietro ad Ostenda. Inoltre, se a Ostenda si aveva ogni possibilità di movimento, dato che il Kursaal era in pieno centro, quaggiù si è nel mezzo del niente, in un centro sportivo tanto isolato da sembrare una prigione. Diciamo che l’estate del bridge –aspettando Atlanta e Bali che vengono spacciate per caldissime e umidissime – è cominciata “al fresco”.
Ieri è partita la sola competizione Juniors, la quale sarà da sola anche oggi, in attesa che, da domenica, si uniscano anche Youngsters e Girls. Partita benissimo per i nostri colori: gli azzurrini hanno distrutto il Belgio, battendolo con un enorme 107 a 17 ed incamerando, insieme alla Norvegia, l’unico “20” del lotto. Proprio i nordici sono stati i nostri avversari del secondo turno, anch’essi piegati di buona misura (47 a 30, tradotto in 14.01 a 5.99). Il totale ci vede condividere la seconda piazza con i danesi – tra i super favoriti della vigilia – appena 0.30 punti dietro la Repubblica Ceca. Una squadra, quest’ultima, che oramai da diversi anni (da Pau 2008), promette bene a livello Open come giovanile, ma che scivola sempre all’ultima curva.
Sorprendente il pessimo inizio delle due maggiori favorite: l’Olanda campione del mondo (in formazione appena cambiata rispetto a quella vincente di Tai Cang) e Israele, che la finale mondiale l’ha persa di 0.6 mp (ma ben più rimaneggiata). Le due “circondano” L’Austria: sedicesimi gli “Orange” (14 VP) e diciottesimi i figli di Davide (12.13 VP).
Oggi altri due turni, sulla carta assai morbidi entrambi per i nostri colori: prima l’Irlanda, nettamente ultima (e detentrice del record di punti incassati, 2 a 106 contro la Norvegia), e poi l’Austria, diciassettesima con 13.20 VP. Diretta su BBO alle 14.00 e alle 17.20.

CZECH REPUBLIC 34.31
2 DENMARK 34.01
ITALY 34.01
4 GERMANY 29.97
5 BULGARIA 26.94
6 NORWAY 25.99
7 POLAND 25.61
8 ROMANIA 23.62
9 FINLAND 23.31
10 TURKEY 22.95
11 HUNGARY 21.38
12 FRANCE 21.28
13 ENGLAND 19.21
14 SWEDEN 18.97
15 BELGIUM 16.08
16 NETHERLANDS 14.00
17 AUSTRIA 13.20
18 ISRAEL 12.13
19 CROATIA 8.90
20 BELARUS 6.63
21 SERBIA 5.29
22 IRELAND 2.21

Argomenti

Maurizio Di Sacco

Maurizio Di Sacco (DSZ003, Bridge Villa Fabbriche) è Arbitro Capo di FIGB, WBF, EBL, CAC (Center American & Caribbean), CSB (Confederation Sudamericana De Bridge) e Direttore della Scuola Arbitrale di FIGB ed EBL. Anche membro del WBF Laws Committee, Maurizio è uno dei più autorevoli arbitri del mondo. Anche il suo palmares come giocatore è più che invidiabile: ha giocato ai massimi livelli fino al 2002, conquistando a livello nazionale un titolo italiano, un argento in eccellenza, diversi piazzamenti in Coppa Italia e numerosi primi posti in tornei naizonali. A livello internazionale ha raggiunto la finale di un Campionato Mondiale e di uno Europeo.

Potrebbero interessarti anche...

Close