HomeL'Esperto Risponde

La mano n.8 di un torneo federale…

Nord apre di 1[C], Passo e Sud licita a salto 2[D]: il mio compagno chiede spiegazioni all’apertore che, dopo un lungo silenzio (preciso che non dice di non ricordare ma solo di “aspettare”) ed il Passo “rassegnato” del mio compagno, dice: “giochiamo naturale” e licita 3[D].
Io Passo ed il rispondente licita 3[S], Passo e Passo dell’apertore.
Ricapitolando la licita e meravigliata dell’ultimo Passo dell’apertore, prima di effettuare la mia dichiarazione, chiedo conferma all’apertore se la mano del rispondente mostra 5 Quadri e 4 Picche come da spiegazione data, ma… tace; chiamo l’arbitro ed a questo punto l’apertore dice al direttore di gara che sul 3[S] si è ricordata che giocano da sistema Garozzo e che quindi Sud ha una monocolore sesta a Picche.
L’arbitro ci fa giocare 3[S].

Nel controgioco il mio compagno, non potendo ipotizzare la quarta di Quadri in mano al vivo e per “inchiodarlo al morto” visto che potrebbe avere 3 Fiori (con attacco Cuori, il vivo mostra le 6 Picche, 2 Cuori, ? Quadri e ? Fiori), liscia la prima giocata a Fiori verso KQ; risultato al tavolo 3[S]+1 che viene confermato dall’arbitro.

Preciso che la coppia N/S è formata da due coniugi che, mi riferiscono, giocano da decenni sempre e solo insieme.
Chiedo cortesemente se le suddette licite sono da considerarsi valide in base al regolamento vigente, anche per occasioni future, ed in particolare per questa mano:
– se si può passare sul 3[S] che le fa ricordare che il 2[D] è Garozzo (dopo aver affermato precedentemente che trattasi di licita naturale);
– se è possibile licitare “diversamente” dalla spiegazione data dalla compagna (in particolare in questo caso si può “rettificare” la licita di Nord da 3[D] a 3[S]?);
– se con la mano del rispondente, sia a livello di punteggio che di distribuzione, è normale che si liciti con il 2[D] convenzionale (Garozzo) così come affermato dall’arbitro.
Ringraziando, invio cordiali saluti.
Antonella Pasquali (PSL105, ASD Polisportiva OlimpiClub)

Ciao Antonella,
così come sono poste, le tue domande non arrivano al punto del problema, così che prima risponderò, e poi andrò più a fondo.
– Nord può fare ciò che vuole, non essendo in possesso di alcuna INA. La licita di 3[S], infatti, è un’informazione autorizzata per antonomasia.
– Per rispondere bisognerebbe sapere che cosa, da sistema, significa 3[D] su 2[D] artificiale. In assenza di questo dato, ti rimando all’approfondimento successivo.
– N/S possono avere qualunque accordo in merito, per cui con quali carte si debba dire 2[D] è lasciato alla loro interpretazione, e non è sindacabile da chicchessia.
Ciò premesso, lo snodo centrale del problema è l’INA ricevuta da Sud, nel momento nel quale è venuto a sapere che il compagno non aveva capito la licita di 2[D].
In questi casi – ex Articolo 75 del Codice di Gara, paragrafo A, e poi Articolo 16 del Codice di Gara, paragrafi A e B – Sud deve comportarsi, in estrema sintesi, come se il compagno avesse allertato e spiegato correttamente 2[D]. Ovvero, Sud deve licitare secondo quello che vorrebbe dire 3[D] su 2[D] artificiale.
È quindi questo l’ambito di indagine sul quale avrebbe dovuto concentrarsi l’arbitro. Per quanto mi riguarda, io posso solo fare delle ipotesi.
– Cominciamo col dire che 3[D] non può essere naturale, dopo l’apertura di 1[C], se non nell’ambito di una mano molto forte. Se è naturale, Sud ha un automatico rialzo a 4[D], e quello sarebbe il contratto finale che l’arbitro deve assegnare.
– Più probabilmente, 3[D] mostra valori con interesse per i nobili, e allora 3[S] è pienamente legittimo. Se sì, il risultato è da confermarsi, dato che i difensori non hanno alcun diritto di sapere che Sud ha la quarta di Quadri.

Cari Saluti,
Maurizio Di Sacco

Argomenti

Maurizio Di Sacco

Maurizio Di Sacco (DSZ003, Bridge Villa Fabbriche) è Arbitro Capo di FIGB, WBF, EBL, CAC (Center American & Caribbean), CSB (Confederation Sudamericana De Bridge) e Direttore della Scuola Arbitrale di FIGB ed EBL. Anche membro del WBF Laws Committee, Maurizio è uno dei più autorevoli arbitri del mondo. Anche il suo palmares come giocatore è più che invidiabile: ha giocato ai massimi livelli fino al 2002, conquistando a livello nazionale un titolo italiano, un argento in eccellenza, diversi piazzamenti in Coppa Italia e numerosi primi posti in tornei naizonali. A livello internazionale ha raggiunto la finale di un Campionato Mondiale e di uno Europeo.

Potrebbero interessarti anche...

Close