Gli Esperti RispondonoHome

Differenza fra sbagliare licita e sbagliare spiegazione

Maurizio vengo ancora a sottoporti un quesito arbitrale su quanto accaduto durante il Mitchell di venerdì (oramai sono uso coinvolgerti nelle situazioni che possono generare dubbi  e… spero  sempre… di non disturbarti).

 

12Fiori = prima del passo Est chiede e riceve la spiegazione che si tratta di bicolore nobile

Si gioca la mano e, grazie a un controgioco “amichevole”, il contratto viene mantenuto
L’Arbitro chiamato al tavolo, avuta conferma da parte di Nord che in effetti il loro accordo di coppia prevedeva che l’intervento di 2Fiori fosse una bicolore nobile, ha confermato il risultato acquisito al tavolo, essendo la dichiarazione di 2Fiori sbagliata, mentre la spiegazione data da Sud era corretta, essendo quella prevista dal sistema. Nulla poi spettava alla coppia E/O per il loro controgioco amichevole. 
La decisione dell’Arbitro è stata accettata con sportività e senza discussioni, anche se Est ha argomentato che il Contro era frutto della spiegazione avuta e che, se Ovest fosse stato informato a fine licita da Nord che era stata data una spiegazione sbagliata durante la licita, un ipotetico (ma onestamente molto difficile) attacco a cuori avrebbe forse evitato il controgioco amichevole.
Che ne dici? Come sempre grazie,
Gianni Castelli

Ciao Gianni,
cominciamo col dire che non disturbi mai.
Nel merito, il caso è davvero banale, coperto com’è da uno specifico Articolo del Codice, l’Articolo 75 del Codice di Gara, paragrafo C, il quale ci dice che, come correttamente affermato dall’Arbitro, niente è dovuto quando ci sia un errore licitativo, ma la spiegazione offerta è conforme al sistema.
In generale, rimane la possibilità di utilizzare 75A, ovvero l’esplorare il possibile utilizzo di un’INA, cosa qui non avvenuta. Bisogna anzi sottolineare l’estrema correttezza di Nord, il quale pur sapendo di poter andare incontro ad un disastro – poteva infatti giocare con sole cinque atout – ha bevuto fino in fondo quello che poteva essere facilmente un calice molto amaro, dicendo passo su 2Cuorix, in totale aderenza al dettato dell’Articolo 73 del Codice di Gara, paragrafo C.
Carissimi Saluti,
Maurizio Di Sacco

Argomenti

Maurizio Di Sacco

Maurizio Di Sacco (DSZ003, Bridge Villa Fabbriche) è Arbitro Capo di FIGB, WBF, EBL, CAC (Center American & Caribbean), CSB (Confederation Sudamericana De Bridge) e Direttore della Scuola Arbitrale di FIGB ed EBL. Anche membro del WBF Laws Committee, Maurizio è uno dei più autorevoli arbitri del mondo. Anche il suo palmares come giocatore è più che invidiabile: ha giocato ai massimi livelli fino al 2002, conquistando a livello nazionale un titolo italiano, un argento in eccellenza, diversi piazzamenti in Coppa Italia e numerosi primi posti in tornei naizonali. A livello internazionale ha raggiunto la finale di un Campionato Mondiale e di uno Europeo.

Potrebbero interessarti anche...

Close