Gli Esperti RispondonoHome

Sistemi altamente artificiali

Caro Maurizio,
scusami se rompo, ma non trovo più sul sito FIGB risponde e quindi ti scrivo.
Devo commentare sul mio sito una richiesta strana.
Un innamorato delle cose strane e dei relay mi ha chiesto se si possono giocare a livello locale, (o più) i sistemi Neo Zelandesi degli anni 80.
Sistema Mayer Wright – Cornell Taylor passo con 9-15 punti. Apertura di 1Picche con 0-8 p.o.
Simile trattazione per il sistema Haugler-Taylor.
Passo 15+ apertura di 1Picche con 0-8 p.o.
Per me, anche se Alertate, sono Brown decise, ma il tuoi autorevole parere, che pubblicherò come sempre, mi conforterebbe. Scrivere una sciocchezza a bridge è un attimo e io lo vorrei evitare.
Grazie e un caro saluto
Pier Massimo (FRM052, Milano Bridge)

Ciao Pier Massimo,
io non ho mai risposto presso “La FIGB risponde”, ma ora, come allora, presso “L’Esperto Risponde”.
Nel merito, il sistema proposto è ben peggio di una “brown sticker”, essendo invece, addirittura, un HUM, e dunque vietato in qualunque competizione. Ecco la relativa parte della Normativa Sistemi (Norme Integrative, Appendice I, 2.2):

2.2 Sistemi HUM11
Per gli scopi di questa normativa, un sistema Altamente Artificiale (HUM) è un
sistema che prevede una o più delle seguenti caratteristiche, intese come accordi di
coppia:
a) un Passo in posizione di apertura mostra almeno valori quali generalmente
considerati adeguati ad un’apertura di uno, anche qualora siano incluse possibili
alternative deboli;
b) per accordo di coppia un’apertura a livello di uno può essere più debole di un
passo;
c) per accordo di coppia un’apertura a livello di uno può essere effettuata con
valori di un re o più inferiori alla forza media;
d) per accordo di coppia un apertura a livello di uno può mostrare tanto lunghezza
in uno specifico colore che corta in un altro;
e) per accordo di coppia un’apertura a livello di uno può mostrare alternativamente
lunghezza in un colore o in un altro.
ECCEZIONE: uno in un minore in un sistema a base fiori o quadri forte.
11 High Unusual Method, Sistema Altamente Artificiale

Se i tuoi amici, per puro interesse teorico, vogliono avere l’intero sistema, posso averlo facilmente da Michael Cornell, che un mio caro amico.
Cari Saluti,
Maurizio Di Sacco

Argomenti

Maurizio Di Sacco

Maurizio Di Sacco (DSZ003, Bridge Villa Fabbriche) è Arbitro Capo di FIGB, WBF, EBL, CAC (Center American & Caribbean), CSB (Confederation Sudamericana De Bridge) e Direttore della Scuola Arbitrale di FIGB ed EBL. Anche membro del WBF Laws Committee, Maurizio è uno dei più autorevoli arbitri del mondo. Anche il suo palmares come giocatore è più che invidiabile: ha giocato ai massimi livelli fino al 2002, conquistando a livello nazionale un titolo italiano, un argento in eccellenza, diversi piazzamenti in Coppa Italia e numerosi primi posti in tornei naizonali. A livello internazionale ha raggiunto la finale di un Campionato Mondiale e di uno Europeo.

Potrebbero interessarti anche...

Close