Gli Esperti RispondonoHome

Dopo aver letto la tua risposta, mi sorge un dubbio…

Caro Maurizio
ho letto la tua risposta relativa “al Codice di Gara e la renonce” e mi sarebbe gradito un tuo commento su quel che segue:

  • Est gioca 5Quadri e alla 12giocata ha in mano, dopo aver fatto 9 prese, la 13a Atout ed il FioriK
  • Sud dopo aver una sola presa è ininfluente
  • Ovest è ininfluente
  • Nord, che è in presa con l’FioriA, una gioca cartina di Fiori.

E’ lapalissianamente conseguente che le ultime due prese spettano ad Est.
Epperò è accaduto che Est, scoprendo contemporaneamente le ultime due carte, ha poggiato sul tavolo prima l’ultima sua Atout (tagliando) e poi il FioriK.
La coppia avversaria si è precipitata a chiamare l’Arbitro che, Codice di Gara “senza se e senza ma”, alla mano, è stato costretto a penalizzare.
Sono convinto, però, che c’e’ un “quid” del Codice Di Gara che ignoro sul quale tu “mi illuminerai di immenso”.
Ad maiora
Giuseppe De Prezzo (DPP001, Bridge Brindisi)

Ciao Giuseppe,
sono francamente sbalordito dal leggere questa tua, perché se i fatti corrispondono al vero, l’Arbitro ha preso una topica colossale. La renonce alla dodicesima presa non è infatti soggetta a penalità:

B. Nessuna rettifica
Non verrà effettuata nessuna rettifica, tra quelle esposte nel punto A, a seguito di una renonce consumata:
1. se la linea colpevole non vince né la presa della renonce, né nessuna altra presa successiva;
2. se si tratta di una renonce successiva dello stesso giocatore nello stesso seme. Può trovare applicazione l’Articolo 64 del Codice di Gara, paragrafo C;
3. se la renonce era stata commessa nel mancare di giocare una qualsiasi carta scoperta sul tavolo o appartenente ad una mano scoperta sul tavolo, compresa una carta appartenente alla mano del morto;
4. se l’attenzione sulla renonce è stata richiamata per la prima volta dopo che un membro della linea innocente abbia effettuato una chiamata nella mano successiva;
5. se l’attenzione sulla renonce è stata richiamata per la prima volta dopo che il round sia finito;
6. se si tratta una renonce commessa alla dodicesima presa;
7. quando entrambe le linee hanno commesso renonce nello stesso board.

Inoltre, da quello che leggo, anche il fatto che si trattasse davvero di renonce è discutibile, perché l’esposizione di due carte nella situazione data rappresenta una richiesta di prese, dopodiché l’ordine nel quale le carte abbiano toccato il tavolo è del tutto irrilevante.
Cari Saluti,
Maurizio Di Sacco

Argomenti

Maurizio Di Sacco

Maurizio Di Sacco (DSZ003, Bridge Villa Fabbriche) è Arbitro Capo di FIGB, WBF, EBL, CAC (Center American & Caribbean), CSB (Confederation Sudamericana De Bridge) e Direttore della Scuola Arbitrale di FIGB ed EBL. Anche membro del WBF Laws Committee, Maurizio è uno dei più autorevoli arbitri del mondo. Anche il suo palmares come giocatore è più che invidiabile: ha giocato ai massimi livelli fino al 2002, conquistando a livello nazionale un titolo italiano, un argento in eccellenza, diversi piazzamenti in Coppa Italia e numerosi primi posti in tornei naizonali. A livello internazionale ha raggiunto la finale di un Campionato Mondiale e di uno Europeo.

Potrebbero interessarti anche...

Close