CronacaEsteraHome

National Americano di Primavera 2015: il punto (6)

2015 NABC New Orleans - Il punto

In termini quantitativi, ho davvero poco da raccontarvi oggi, ma non certo così per quanto riguarda la qualità delle notizie.
Prima di tutto, infatti, bisogna dire delle semifinali della Vanderbilt, e poi della qualificazione del Swiss Open Teams, ovvero quelli che sono i due eventi più importanti dell’intero carrozzone di New Orleans, seguiti dai già conclusi tornei a coppie.
Nella manifestazione più importante, la squadra LAVAZZA ha ottenuto la prima finale da quando è cominciata la sua avventura nordamericana, battendo quel TEAM ASSAEL che era stato capace di impressionanti rimonte nei due turni precedenti. Questa volta, Antonio Sementa e compagni non sono riusciti nell’impresa, anche se le premesse c’erano: erano infatti indietro anche stavolta, e pesantemente, con quindici mani da giocare (49-104)! Poiché di IMP ne avevano ripresi 60 a GORDON e 54 a MONACO, la distanza era ancora alla loro portata, ma LAVAZZA non ha lasciato loro scampo, vincendo anche l’ultima frazione, e concludendo 157-69. Nel complesso, LAVAZZA ha dominato, ma dopo due tempi il distacco era di 27 IMP, e tutto poteva quindi ancora accadere.
Non cos’ nella parte alta del tabellone, dove DIAMOND, rediviva, ha maltrattato FLEISHER dall’inizio alla fine, al punto da vincere con 101 IMP di distacco, senza mai soffrire. 166 a 65 il risultato finale.
Ottime notizie per noi anche dal Swiss Open Teams, che vede al comando quella SCHWARTZ che, eliminata qui dalla GOLDBERG di Di Franco-Manno, aveva vinto sia la Spingold in Luglio, che la Reisinger in Dicembre. Poco dietro, però, con un carry-over di circa 2,5 VP inferiore, viene la formazione di Justine Cushing, la quale include Leonardo Cima e Valerio Giubilo. Nona è GOLDBERG, e cinquantunesima, e quindi anch’essa qualificata per gli ultimi otto turni da giocarsi oggi, è SHUSTER, ovvero la squadra di De Falco-Olivieri.
Non pervenuti altri italiani (Giorgia, dov’eri? Cos’è un articolo sui Nationals senza di te?).

Argomenti

Maurizio Di Sacco

Maurizio Di Sacco (DSZ003, Bridge Villa Fabbriche) è Arbitro Capo di FIGB, WBF, EBL, CAC (Center American & Caribbean), CSB (Confederation Sudamericana De Bridge) e Direttore della Scuola Arbitrale di FIGB ed EBL. Anche membro del WBF Laws Committee, Maurizio è uno dei più autorevoli arbitri del mondo. Anche il suo palmares come giocatore è più che invidiabile: ha giocato ai massimi livelli fino al 2002, conquistando a livello nazionale un titolo italiano, un argento in eccellenza, diversi piazzamenti in Coppa Italia e numerosi primi posti in tornei naizonali. A livello internazionale ha raggiunto la finale di un Campionato Mondiale e di uno Europeo.

Potrebbero interessarti anche...

Close