HomeTecnica

Un clash squeeze da New Orleans!

La tigre di carta

L’occasione è di quelle che contano: il Leventrit Silver Ribbon Pairs di New Orleans.

Trecento tra le migliori coppie del mondo si contendono soldi e celebrità. Quando la licita approda al livello di 7SA, qualsiasi giocatore sa che, comunque andrà a finire, non avrà preso una mano media.

Questa è la situazione in cui si trova Steve Hamaoui, quando sul tavolo arriva il board 25. Dopo l’attacco di PiccheJ da parte di Sud, scende il morto:

Contratto: 7SA
Dichiarante: Est
Attacco: PiccheJ

A prima vista la mano presenta più linee di gioco possibili. Una volta appurata la buona divisione delle Picche in mano agli avversari, si può provare a indovinare l’impasse bilaterale alla CuoriJ10x  in mano ad uno degli avversari. La cattiva divisione delle Picche non preclude il buon esito della mano, ma rende necessaria la scelta di una linea di gioco alternativa. C’è da lavorare per decidere, carta dopo carta, che strada seguire. Dopo aver preso l’attacco di PiccheJ con l’Asso, Steve gioca anche il PiccheK e la PiccheQ e, con sollievo, scopre la felice divisione delle Picche. Adesso le possibilità di mantenere il contratto aumentano ed è il momento di provare a comprimere l’avversario. Sulla PiccheQ il giocante scarta una Fiori dal morto. Steve gioca, ancora, un quarto giro di Picche su cui scarta una Quadri dal morto, mentre Sud si libera di una Cuori e Nord di una Quadri. A questo punto il giocante incassa la QuadriQ e poi gioca la piccola Fiori per il Re del morto. Su QuadriA e QuadriK del morto scarta una Fiori e una Cuori dalla mano. Le cartine di Quadri giocate dagli avversari vanificano la possibilità di J10x nella stessa mano. Anche Nord è costretto a scartare sul QuadriK e butta via una Fiori. Siamo quasi alla resa dei conti. A questo punto non è più nemmeno necessario indovinare l’impasse bilaterale. Steve gioca Fiori per l’Asso, vede cadere la Dama seconda di Sud, e incassa l’ultima Picche su cui tutti devono scartare. Questa è la situazione dei malcapitati avversari a quattro carte dalla fine:

2015tigre3

La sensazione, soprattutto del giocatore seduto in Nord, è esattamente quella di essere costretto con la forza a fare qualcosa che non vorrebbe. Eppure di forza non ce ne è neanche l’ombra, bisogna solo scartare una carta. Sulla quinta Picche giocata dalla mano, Sud deve scartare una Cuori per conservare il QuadriJ, Steve può tranquillamente scartare l’ultima Quadri del morto e Nord è costretto a scartare una Cuori per tenersi il FioriJ. I giochi sono fatti, Hamaoui tira CuoriA e CuoriK su cui cade la Dama di Nord che libera il CuoriJ, tredicesima presa. 7SA mantenuto impegno in zona, +2220 e, nella peggiore delle ipotesi, un top condiviso.

La smazzata completa:

D’accordo confessiamo: il contratto giocato da Steve era 6SA e non Grande Slam, ma a parte il fatto che costringerlo a fare 13 prese era più sfizioso, e poi se non si lavora di fantasia quando si racconta… Se volete capire cosa ha ispirato il tema dello squeeze, e il metodo con cui arriveranno i prossimi argomenti, leggete l’altra metà dell’articolo su La Tigre di Carta – www.latigredicarta.it]

Articolo scritto da Caterina de Lutio

Leggi l’approfondimento su 
http://www.latigredicarta.it/wordpress/category/la-tigre-sulla-carta/

Argomenti

Caterina De Lutio

Caterina De Lutio (DLN417, Il Bridge), under 26

Potrebbero interessarti anche...

Close