CronacaEsteraEuropean Youth Teams Championships 2015HomeNotizie

EYTC2015: cronaca del match Svezia-Italia (Under 26)

svezia-italiaLa Sala Chiusa dell’incontro

Non è un bridge troppo bello quello che sto per raccontarvi, ma ho cercato di nascondere alcune brutture, e, alla fin fine, si è trattato di una vittoria importante.
Le due squadre erano tra le favorite della vigilia, ma mentre la Svezia stava riscuotendo quanto sperato – era seconda al momento del match – i nostri erano invece in ambasce, trovandosi appena all’ottavo posto.
L’incontro è iniziato tranquillamente, con una manche facilmente dichiarata nelle due sale (tuttavia, gli svedesi hanno incassato il loro 420 in 5Quadri+1, mentre gli italiani lo hanno fatto in 4Picche), ma già il Board due ha dato agli spettatori un antipasto di quanto doveva accadere poi.

2015_07_23_m2

Sala Aperta:

2015_07_23_m2_A

Sala Chiusa:

2015_07_23_m2_C

Ekenberg non ha avuto nessun problema nel suo 3NT, dato che l’interferenza “lead directing” di Gandoglia ha prodotto il miglior attacco sì, ma per Sud: il JPicche. Tutto ciò che il dichiarante doveva fare era muovere correttamente le Fiori per concludere con 11 prese. Un successo per il “Senza” debole degli svedesi, dato che il livello più basso ha attratto la normale interfernza.
Giuseppe Delle Cave avrebbe dovuto essere messo molto più duramente alla prova dall’attacco di 10Quadri, ma ha ricevuto un bell’aiuto da Est, il quale ha deciso di non coprire la carta del compagno, così bloccando il colore. Se avesse fatto altrimenti, l’unica linea di gioco vincente disponibile per il dichiarante sarebbe stata quella di risalire al morto a Cuori per muovere la Dama di Picche. Una scelta che possiamo definire pressoché iirrealizzabile.
Quando Delle Cave ha giocato Cuori verso il morto, e una Fiori verso la mano, Est ha avuto una seconda possibilità di complicargli la vita mettendo il Re prima di continuare a Quadri, mossa ache avrebbe obbligato Sud a prenedere subito, ma quando ha invece deciso di stare basso, la difesa ha esaurito le sue chance.
Ovest ha lisciato disperatamente, ma Sud ha continuato a Picche, e l’apparizione del Fante prima, e poi le Cuori 3-3, lo hanno visto arrivare felicemente in porto. 2 IMP to Sweden.
7 IMP sono andati nella stessa direzione, causa un eccesso di aggressività (chiamiamolo così)

2015_07_23_m3

Sala Aperta:2015_07_23_m3_A

Sala Chiusa:
2015_07_23_m3_C
In Sala Chiusa, Nord ha deciso di incassare quanto possibile in 5Fiorix, mentre Delle Cave ha inizialmente stiracchiato licitando 5Picche, e quando Ovest ha erroneamente deciso di salire a 6Fiori, Zanasi ha scelto di dare pieno credito al compagno e, forte del doppio fit, ha selezionato 6Quadri. L’attacco di ACuori lha regalato una presa, ma anche così la Svezia ha pur sempre segnato in entrambe le sale.
E’ seguito un board (quasi) piatto: un banale 3NT+1, dove entrambi i Nord si sono sentiti obbligati ad attaccare dal Re di Cuori terzo, invece che dalla quarta di Picche di Fante, al costo di una surlevee. Poi qualcosa di molto più eccitante.

2015_07_23_m5

Sala Aperta:2015_07_23_m5_A

Sala Chiusa:2015_07_23_m5_C
1NT non è una bellezza, ma è stato mantenuto, mentre I nostril hanno deciso di essere ben più audaci. Tuttavia, se 3Fiori è la licita giusta con le carte di Sud, allora il 3NT di Nord è al minimo molto, ma molto ottimistico.
La situazione sembrava disperata, ma quando Zanasi ha vinto l’attacco a Cuori, ed ha mosso una Quadri verso il morto, quell’amicone di Est ha messo la Dama. Non ancora fatale, ma lo svedese, in piena collaborazione con il compagno, ha continuato a Fiori, prontamente vinta da Ovest! L’impossibile contratto era improvvisamente diventato di battuta, ma il diavolettoi ci ha messo la coda.
Ignaro della posizione delle Quadri, Gabriele ha vinto nil ritorno a Cuori per poi sfilare le Fiori, ma nel finale si è fatto sedurre da un’ipotesi che era in realtà impossibile al posto di tirare semplicemente l’AQuadri, ed è miseramente finito -2. Un totale di 18 IMP buttati, per 7 persi al posto di 11 guadagnati.
E’ seguito un Sette Picche di agevole dichiarazione – meglio sarebbe stato 7NT, con quattordici, facili prese – e poi abbiamo finalmente segnato, e lo abbiamo fatto così bene, da pareggiare il match in un colpo solo!

2015_07_23_m7

Sala Aperta:2015_07_23_m7_A

Sala Chiusa:2015_07_23_m7_C
Delle Cave ha giocato con attenzione la sua delicata manche, ma sono stati gli italiani di chiusa a garantire un top quando hanno deciso di “salvare” in Cinque Quadri, un contratto fattibile. Incerto sul da farsi, Hult ha deciso di proseguire con Cinque Cuori, ed un gioco non proprio brillante ha prodotto un bell’800 per noi, e 16 IMP in totale.
La Svezia ha successivamente scritto 3, 3 e4 IMP nelle tre mani successive, sempre grazie ad un bridge davvero troppo disinvolto dei nostri due NS, poi abbiamo segnato grosso in due mani successive.

2015_07_23_m12

Sala Aperta:2015_07_23_m12_A

Sala Chiusa:2015_07_23_m12_C
Messo in guardia dal contro, Donati ha giocato perfettamente il suo contratto contrato. Ha vinto l’attacco a Fiori ed ha effettuato il sorpasso a Picche, per poi scartare la sua Quadri sull’Asso di Picche. Ha poi lisciato una Fiori, e, una volta tagliato il tardivo ritorno a Quadri, ha semplicemente proseguito con le Fiori, riducendo Nord all’impotenza.
Nell’altra sala, la decisione di Ovest di aprire di 1Fiori ha fatto sì che il miglior colore di EO finesse ingoiato dall’interferenza di Nord, e così, alla fine, Delle Cave si è impossessato del contratto finale in Due Quadri, cadendo tranquillamente di una presa. 10 IMP per noi.
Con l’incontro di nuovo in parità, abbiamo aggiunto altri 10 IMP subito dopo.

2015_07_23_m13

Sala Aperta:2015_07_23_m13_A

Sala Chiusa:2015_07_23_m13_C
La decsione di Delle Cave di scherzare un po’ ha in teoria avuto un effetto negativo, dato che ha tenuto gli svedesi fuori da un’infattibile manche, ma in realtà ha prodotto un bel dividendo, quando Donati, per la seconda volta consecutiva, ha portato a casa un contratto impossibile.
L’italiano ha vinto in mano l’attacco a Picche, e ricordando il barrage di Sud, ha continuato con una Cuori per il nove. Nord ha vinto la terza Cuori, e invece che proseguire sulla buona strada, ha messo in tavola una Quadri, che è arrivata all’8 di Ovest. Donati ha semplicemente continuato a Picche, mentre la difesa si ostinava con le Quadri, ed alla fine sono arrivate nove prese.
Con questi fuochi d’artificio l’incontro si è praticamente concluso. Italia e Svezia hanno aggiunto rispettivamente 5 e2 IMP in spiccioli ed i nostri sono emersi vittoriosi per 41-28, o 13.20-6.80 in VP.

Argomenti

Maurizio Di Sacco

Maurizio Di Sacco (DSZ003, Bridge Villa Fabbriche) è Arbitro Capo di FIGB, WBF, EBL, CAC (Center American & Caribbean), CSB (Confederation Sudamericana De Bridge) e Direttore della Scuola Arbitrale di FIGB ed EBL. Anche membro del WBF Laws Committee, Maurizio è uno dei più autorevoli arbitri del mondo. Anche il suo palmares come giocatore è più che invidiabile: ha giocato ai massimi livelli fino al 2002, conquistando a livello nazionale un titolo italiano, un argento in eccellenza, diversi piazzamenti in Coppa Italia e numerosi primi posti in tornei naizonali. A livello internazionale ha raggiunto la finale di un Campionato Mondiale e di uno Europeo.

Potrebbero interessarti anche...

Close