CronacaEstera

NABC a Chicago (3)

Solo uno dei due italiani in gara nella semifinale del Life Masters Pairs ce l’ha fatta a superare il secondo taglio, e ad approdare alla finalissima di oggi: Giorgio Duboin, il quale, in coppia con Zia Mamhood, è stato capace di risalire ben centotrenta posizioni, fino ad issarsi al terzo posto provvisorio, della classifica guidata da Martin Fleisher e Justin Lall. Niente da fare invece per Andrea Manno e Bar Tarnovski, fuori dai primi settantotto a causa di un disastroso secondo tempo.
Gli altri che avevamo lasciato ieri in semifinale di alcuni Bracket KO hanno tutti vinto quell’incontro, ma poi si sono arresi in finale. O meglio: Lauria-Versace hanno perso sì, ma nello scontro fratricida contro Dano De Falco (ovvero, sorprendentemente, la squadra di Patricia Cayne ha battuto quella di Jimmy Cayne), unico dei nostri quindi a vincere, mentre Cima-Giubilo sono stati piegati dai famosi polacchi citati ieri.
Altra gloria ci è pero venuta da Giorgia Botta e Leonardo Fruscoloni, capaci di vincere un Swiss Teams (otto le squadre in gara) di contorno.
Ultima menzione casalinga per Benito Garozzo e Antonio Sementa, i quali, con la squadra Zaleski, hanno raggiunto la semifinale del Sunday Bracket KO, livello A. Tutte di primissimo piano anche le altre tre protagoniste, tutte infarcite di campioni del mondo, o quasi.
Come al solito, chiudo con il Grand National, approdato alla finalissima, la quale vedrà in campo i favoriti attori di SPECTOR, contro YARINGTON. I primi hanno, come previsto, dovuto faticare parecchio per piegare LILIESTEIN: in svantaggio per tre tempi su quattro, i Meckwell, come spesso gli accade, hanno messo in piedi una terrificante rimonta nell’ultima frazione, vincendola per 55 a 15, e concludendo così 143-109. I secondi, invece, non hanno avuto nessun problema. Oggi vedremo se YARINGTON saprà spezzare la serie di quattro vittorie consecutive di SPECTOR, sei negli ultimi otto anni.

Argomenti

Maurizio Di Sacco

Maurizio Di Sacco (DSZ003, Bridge Villa Fabbriche) è Arbitro Capo di FIGB, WBF, EBL, CAC (Center American & Caribbean), CSB (Confederation Sudamericana De Bridge) e Direttore della Scuola Arbitrale di FIGB ed EBL. Anche membro del WBF Laws Committee, Maurizio è uno dei più autorevoli arbitri del mondo. Anche il suo palmares come giocatore è più che invidiabile: ha giocato ai massimi livelli fino al 2002, conquistando a livello nazionale un titolo italiano, un argento in eccellenza, diversi piazzamenti in Coppa Italia e numerosi primi posti in tornei naizonali. A livello internazionale ha raggiunto la finale di un Campionato Mondiale e di uno Europeo.

Potrebbero interessarti anche...

Leggi anche...

Close
Close