Gli Esperti RispondonoHome

Durata di una partita

L'Esperto risponde

utente

Gentili sigg,
durante un Torneo tenuto domenica 04/10/2015 ***, la partita in corso, al termine dei sette minuti dati, richiedeva ancora cinque mani in quanto la coppia dichiarante, a noi avversa, aveva giocato con molta attenzione.
Noi eravamo la coppia 103 e giocavamo in E/W la mano n° 10.
Ho chiamato l’arbitro, sig ***, che ci diceva di continuare a giocare senza dare nessuna penalizzazione.
Essendo alle prime giocate mi si sono confuse le idee perché la nostra insegnante ci disse che non si poteva superare il tempo dato e l’arbitro ha affermato il contrario.
Potete cortesemente rispondermi?
cordiali saluti
Roberto Sparla

Maurizio Di Sacco

Caro Roberto,
innanzitutto, il tempo regolamentare per giocare una mano è pari a otto minuti e mezzo (senza sipari) .
Per il resto, il tempo dato è principalmente ordinatorio: l’arbitro deve valutare se, e quale impatto il ritardo possa avere sugli aspetti organizzativi della gara, ma niente più. Una penalizzazione può arrivare solo dopo ripetute violazioni, e comunque – almeno in un torneo locale – quando, a causa di esso, si renda necessario cancellare uno, o più mani.
Cordiali Saluti,
Maurizio Di Sacco

Argomenti

Maurizio Di Sacco

Maurizio Di Sacco (DSZ003, Bridge Villa Fabbriche) è Arbitro Capo di FIGB, WBF, EBL, CAC (Center American & Caribbean), CSB (Confederation Sudamericana De Bridge) e Direttore della Scuola Arbitrale di FIGB ed EBL. Anche membro del WBF Laws Committee, Maurizio è uno dei più autorevoli arbitri del mondo. Anche il suo palmares come giocatore è più che invidiabile: ha giocato ai massimi livelli fino al 2002, conquistando a livello nazionale un titolo italiano, un argento in eccellenza, diversi piazzamenti in Coppa Italia e numerosi primi posti in tornei naizonali. A livello internazionale ha raggiunto la finale di un Campionato Mondiale e di uno Europeo.

Potrebbero interessarti anche...

Close