CronacaEsteraHome

NABC a Denver (3)

NABC_Denver2015Si è conclusa ieri la prima prova di prestigio qui a Denver, il Nail Life Masters Open Pairs, il quale ha visto prevalere una delle coppie di professionisti americani di maggiore notorietà e spessore, quella formata da Geoff Hampson ed Eric Greco.
I due hanno condotto fin dal primo turno della qualificazione, ed erano ancora largamente in testa dopo il primo turno di finale. Qui hanno accusato una decisa flessione, tanto che a quattro mani dalla fine avevano quasi dilapidato l’intera dote: i secondi, gli inglesi Kevin Castner e David Gold si trovavano in quel momento a -0,19 mp dai leader.
Nel finale, però, la coppia di testa ha operato il decisivo allungo, ed ha finito per vincere con 23,75 mp di vantaggio con top 77 (dalle nostre parti sarebbero 144: gli americani, unici al mondo, assegnano 1 mp per ogni comparazione vinta, e mezzo per ogni comparazione pareggiata, contro i 2 e 1, rispettivamente, del resto del mondo).
Terzi Les Amoils, americano anch’egli, e l’irlandese Tom Hanlon. Sia nel caso dei secondi che dei terzi si trattava di un’unione tra uno sponsor (Castner e Amoils) e un professionista (Gold e Hanlon), cosa quanto mai comune da queste parti.

La prima coppia contenente italiani la troviamo al nono posto: è quella composta dai giovani palermitani Massimiliano Di Franco e Andrea Manno. Tredicesimo Giorgio Duboin in coppia con Zia Mahmood, mentre molto più giù sono finiti Giuseppe Delle Cave e Federico Iavicoli.

Rimanendo ai nostri colori, altrove, Dano De Falco e la squadra PATRICIA CAYNE (oltre al nostro e alla capitana, quattro giovani olandesi: Tim Verbeek, Danny Molenaar, Bob Drijver e Bart Nab) dopo aver vinto il Swiss del venerdì si sono impadroniti anche di quello del sabato, dominando le diciannove formazioni in gara, mentre Leonardo Cima e Valerio Giubilo hanno perso la finale del Bracket KO.

Nel frattempo, un altro evento di prestigio, il Baze Seniors KO è giunto ai quarti di finale, e come sempre, la lista dei componenti le squadre impressiona per qualità. Fra tutte, la vincitrice delle ultime quattro edizioni, che contiene niente di meno che i Meckwell (Jeff Meckstroth ed Eric Rodwell).

Oggi, propedeutici alla Reisinger, che rappreenta il clou dei Nationals e che comincia venerdì, iniziano il Mitchell Board-A-Match Teams e, riservato alle signore, il Marsha May Sternberg WomenBoard-A-Match.
Nel primo caso, i detentori sono gli slavi Grzegorz Narkiewicz, Krzysztof Buras, Andrew Gromov, Michal Nowosadzki, Jacek Kalita and Aleksander Dubinin (due russi, Dubinin e Gromov, e quattro polacchi), mentre nel secondo le americane Lynn Deas, Toki Sokolow, Janice Seamon- Molson and Beth Palmer.

Allo stato attuale delle mie conoscenze – a Denver sono le tre del mattino – so che al Mitchell BAM parteciperà la squadra LAVAZZA (Maria Teresa Lavazza, NPC, Maurizio Di Sacco, Coach, Alejandro Bianchedi, Massimiliano Di Franco, Giorgio Duboin, Agustin Madala e Zia Mahmood), ma niente più.

Argomenti

Maurizio Di Sacco

Maurizio Di Sacco (DSZ003, Bridge Villa Fabbriche) è Arbitro Capo di FIGB, WBF, EBL, CAC (Center American & Caribbean), CSB (Confederation Sudamericana De Bridge) e Direttore della Scuola Arbitrale di FIGB ed EBL. Anche membro del WBF Laws Committee, Maurizio è uno dei più autorevoli arbitri del mondo. Anche il suo palmares come giocatore è più che invidiabile: ha giocato ai massimi livelli fino al 2002, conquistando a livello nazionale un titolo italiano, un argento in eccellenza, diversi piazzamenti in Coppa Italia e numerosi primi posti in tornei naizonali. A livello internazionale ha raggiunto la finale di un Campionato Mondiale e di uno Europeo.

Potrebbero interessarti anche...

Leggi anche...

Close
Close