FederbridgeHome

Valutiamo la nostra dichiarazione (1)

Gara a coppie. Tutti in zona. La dichiarazione ha inizio con:

In questa situazione forzante a manche, il compito principale dell’apertore è quello di descrivere la propria mano. Quando la mano contenga un elemento principale ancora non espresso – fermo nel colore non dichiarato, appoggio per il colore dichiarato al primo giro dal compagno oppure una lunghezza supplementare nel proprio colore – è facile sapersi regolare. Come comportarsi però qualora si disponga di più di una di queste importanti tenute? Nei casi meno evidenti l’apertore dovrebbe scegliere la dichiarazione più economica per avere la possibilità di raccontare ulteriormente le proprie carte in eventuali successivi giri di dichiarazione.

Cosa dichiarereste a questo punto, seduto in sud, avendo:

a) Picche 8 6 3   Cuori A K J 6 5   Quadri Q 6 4   Fiori K 5

b) Picche 8 6 3   Cuori A K J 6 5    Quadri Q 6   Fiori K 5 4

c) Picche 8 6   Cuori A K J 6 5 2   Quadri Q 6 4   Fiori K 5

d) Picche 8 6   Cuori A K J 6 5 2   Quadri Q 6   Fiori K 5 4

e) Picche K 8   Cuori A K J 6 5 2   Quadri Q 6 4   Fiori 8 6

f) Picche K 8 4   Cuori A K J 6 5 2   Quadri Q 6   Fiori 8 6

Soluzione

a) Picche 8 6 3   Cuori A K J 6 5   Quadri Q 6 4   Fiori K 5

2SA. Sia “SA sia 3Quadri descrivono importanti elementi della nostra mano. Scegliere la dichiarazione più economica salva spazio dichiarativo e conserva al massimo la possibilità di annunciare successivamente il particolare della nostra mano che il rispondente abbia eventualmente bisogno di conoscere.

b) Picche 8 6 3   Cuori A K J 6 5    Quadri Q 6   Fiori K 5 4

2SA. Il sostegno a quadri è troppo debole anche ai fini di esprimere una preferenza, visto che non ci troviamo in stato di emergenza. La scelta è dunque tra 2SA e 3Fiori. Il 3Fiori permetterebbe di piazzare il contratto di 3SA dal lato del compagno qualora egli possegga la dama seconda di fiori. Un’eventualità non frequente, che non giustifica l’abbandono della dichiarazione più economica e naturale.

c) Picche 8 6   Cuori A K J 6 5 2   Quadri Q 6 4   Fiori K 5

2SA. Qui troviamo ogni genere di notizia che ci piacerebbe comunicare al compagno: fermo a fiori, sostegno per le quadri, lunghezza extra nel colore di cuori. La strada migliore che ci conservi la possibilità di trasmettere il maggior numero di informazioni è quella di scegliere la dichiarazione più economica. Qualora nord voglia esplorare la nostra tenuta nei colori rossi, potrà tenere ancora viva la licita a livello di tre.

d) Picche 8 6   Cuori A K J 6 5 2   Quadri Q 6   Fiori K 5 4

2SA. Sempre ispirandoci ai già lodati criteri di economia dichiarativa, il 3Cuori appare una soluzione inferiore tanto alla dichiarazione di “2SA” quanto a quella di 3Fiori. Meglio per questo rimandare l’eventuale annuncio della lunghezza supplementare nel nostro colore principale.

e) Picche K 8   Cuori A K J 6 5 2   Quadri Q 6 4   Fiori 8 6

3Quadri. Abbiamo delle cuori che sono certamente adatte ad una dichiarazione che ne sottolinei la bontà. Tuttavia dichiarare 3Cuori ci impedirebbe di indicare il buon appoggio nel colore del compagno forse per sempre. Invece, con il 3Quadri, offriamo a nord la possibilità di segnalare un eventuale sostegno terziario per il nostro colore nel prossimo giro di dichiarazione. È di nuovo vincente la dichiarazione più economica.

f) Picche K 8 4   Cuori A K J 6 5 2   Quadri Q 6   Fiori 8 6

3Cuori. Qui non ci sono alternative. Per sostenere le picche ci vorrebbero quattro carte e l’appoggio a 3Quadri suggerisce la presenza della terza. Anche se si tratta di una dichiarazione elevata, il 3Cuori ha un carattere ambiguo. Potremmo essere costretti a sceglierla quando una dichiarazione più economica non sia appropriata o possedendo un colore predominante (p. es. una settima) senza interesse per altre soluzioni.

Tonino Cangiano

 

 

 

Potrebbero interessarti anche...

Close