Breaking NewsHome

Il messaggio di Thomas Bach

Pubblichiamo, accogliendo con gioia la richiesta del Presidente del CONI Giovanni Malagò, il messaggio di nuovo anno del Presidente del CIO Thomas Bach.

Nel 1918, Pierre de Coubertin si chiedeva quale sarebbe stato, di lì a un secolo, il destino del movimento olimpico. Partendo da questa domanda, di cui ora conosciamo la risposta, il Presidente Bach ripercorre le tappe fondamentali dell’anno sportivo 2018. Dodici mesi in cui si è dimostrata la potenza universale dello sport, in grado perfino di contribuire alla pace del mondo. Lo sport si è anche intrecciato con complesse vicende giudiziarie e si è reso ancora una volta garante di diritti civili come la parità di genere.

Il Presidente Bach, nel suo messaggio, riflette sul presente e il futuro del CIO e sulla sua governance. Anche il 2019 si preannuncia ricco di eventi determinanti per il movimento, mentre fervono i preparativi per i Giochi Olimpici del 2020, in programma a Tokyo.

Per quanto riguarda, nel nostro piccolo, i rapporti fra il CIO e il Bridge, il 2018 è stato un anno storico: per la prima volta, il nostro sport ha avuto un suo spazio all’interno dei Giochi Asiatici. Una tappa fondamentale per ambire a essere presenti anche ai Giochi Olimpici.

La lettera del Presidente Thomas Bach è riportata nella sua versione originale in inglese e in italiano nella traduzione fornita dal CONI.

Lettera in inglese
Traduzione in italiano

Francesca Canali

Francesca Canali da alcuni anni è responsabile della trasmissione Vugraph durante i Campionati. Da Gennaio 2013 collabora con la sala stampa della FIGB.

Potrebbero interessarti anche...

Close